Tour e viaggi individuali in Myanmar - Birmania

Myanmar Tour Birmania - Birmania Etnico 11 Giorni 10 Notti

Thanakha kid

BIRMANIA etnico

Tour etnico della Birmania con inizio e termine da Yangon. Durante il tour si incontreranno alcuni dei principali gruppi etnici che popolano la Birmania tra i quali: l'etnia Padaung conosciuta anche per le "donne giraffa"; le etnie Pao e Kayah nella zona di Loikaw; gli Intha o "Figli dell'Acqua" che vivono sulle acque del Lago Inle; e la etnia Danu nella zona delle Grotte di Pindaya.

Si visitano anche Yangon, la vecchia capitale e tutt'ora città più importante del Paese, Mandalay l'antica capitale e Bagan con la suggestiva Bagan Archaeological Zone con centinaia e centinaia di templi e pagode grandi e piccole sparse nella vasta pianura circostante.

GIORNO 1: ARRIVO - YANGON

Arrivo all'Aeroporto Internazionale di Yangon e trasferimento in hotel.
Le camere saranno a vostra disposizione a partire dalle ore 14:00.
Pranzo libero e nel pomeriggio tour di Yangon, la città venne fondata nel 1755 ed è una delle più affascinanti città asiatiche, fino al 2006 fu anche la capitale del Paese prima che questa venisse spostata ufficialmente a Naypyidaw, una città costruita dal nulla centinaia di chilometri più a nord e in mezzo alla giungla tropicale.
Yangon rimane oggi uno dei centri commerciali più importanti, gran parte delle esportazioni e delle importazioni passano attraverso il porto di Thilawa, il più grande e trafficato della Birmania.
La città conta sei milioni di abitanti di etnie birmane diverse che convivono pacificamente insieme ad indiani e cinesi, ed è una affascinante miscela di costruzioni di diversi stili architettonici: inglese del periodo vittoriano, cinese, birmano ed indiano.
La città è bagnata da fiumi e con due laghi, punteggiata da parchi ombrosi e viali alberati dai quali svettano i pinnacoli delle numerose pagode disseminate ovunque.
Il tour include: il gigantesco Buddha sdraiato di Chaukhtatkyi di ben 65 metri e la Pagoda Shwedagon al tramonto, con una miriade di piccole pagode, templi, reliquari, padiglioni e statue, che fanno da cornice al possente stupa centrale il quale si innalza per quasi cento metri, interamente ricoperto da lamine d’oro ed impreziosito di gemme e diamanti nell'ombrello sulla cima. La giornata si conclude con una cena di benvenuto in ristorante tipico. Pernottamento a Yangon.

GIORNO 2: YANGON - LOIKAW - ETNIA PADAUNG

Colazione in hotel e trasferimento in aeroporto per il volo domestico verso Loikaw, la capitale dello Stato Kayah. Arrivo e trasferimento in hotel, si prosegue per la visita ai villaggi di Sa Bwinn e Panpae, appartenenti all’etnia Padaung. Si potranno osservare lo stile di vita e la cultura intatta di questa popolazione, famosa per le donne che indossano abiti tradizionali e che portano pesanti anelli di ottone intorno al collo. Pare che l’origine di questa antica usanza fosse per proteggere le donne dagli attacchi delle tigri. Questa tradizione è valsa loro l’appellativo di “donne giraffa”. Pranzo in ristorante locale durante la giornata. Al termine delle visite rientro a Loikaw. Cena e pernottamento in hotel a Loikaw.

Loikaw
Loikaw

GIORNO 3: LOIKAW - ETNIA KAYAH

Colazione in hotel ed intera giornata di visite di Loikaw e dintorni con altre tribù Kayah e remoti villaggi. Pranzo in ristorante locale e nel pomeriggio rientro a Loikaw città e proseguimento delle visite con il monastero adiacente alla Taung Kwe Pagoda, la cattedrale cattolica del Cristo Re, il tempio animista e vista del tramonto da un punto panoramico. Cena in ristorante locale e pernottamento in hotel a Loikaw.

GIORNO 4: LOIKAW – PEKON – ETNIE PAO E KAYAH - SAGAR – LAGO INLE

Colazione in hotel e trasferimento a Mobye un piccolo villaggio di campagna per la visita de La Scuola della Gioia costruita grazie ad una ONLUS italiana ed incontro (se la scuola aperta) coi bambini Pao e Kayah. Visita della grotta Aung Tha Pyay Cave che custodisce al suo interno 10 statue del Buddha e famosa anche per i numerosi alveari annidati sulle pareti della grotta.
Dopo le visite si prosegue in auto verso Pekon situata sulle sponde del lago artificiale Moebyel Dam, da qui si prosegue in motolancia fino a raggiungere il villaggio di Sagar antica capitale reale, ora in rovina, con antichi monasteri e pagode antiche di 700 anni circa, situata all'estremità meridionale del Lago Inle. Il sito è molto suggestivo e si raggiunge attraversando paesaggi molto pittoreschi. Pranzo in ristorante locale. Nei dintorni vi sono numerosi villaggi abitati dalle minoranze Pa O e Intha, si visitano villaggi specializzati nella realizzazione di vasi con grandi forni scavati nella terra e nella produzione di distillati dal riso.
Dopo le visite si prosegue alla volta del Lago Inle fino ad arrivare in hotel. Cena e pernottamento in hotel al Lago Inle.

karenni people
Loikaw: etnia Karenni

GIORNO 5: LAGO INLE - ETNIA INTHA

Il Lago Inle è uno specchio d’acqua poco profondo di una ventina di chilometri di lunghezza e una decina nel suo punto più largo. È limpido e di particolare suggestione a causa di diversi fattori ambientali tra i quali la serenità della gente e la soavità dei panorami. In questo luogo eccezionale gli 80.000 abitanti dell’etnia degli Intha, che vuol dire “Figli dell’Acqua”, vivono, lavorano, studiano e pregano, tutto sull'acqua a stretto contatto con essa come fonte primaria di vita.
Tour del lago a bordo di motolance durante il quale si potranno incontrare i pescatori che remano con una gamba sola (secondo la tradizionale tecnica locale) e che pescano con una speciale nassa conica; si potranno ammirare rigogliosi giardini galleggianti costruiti con fango e giacinti d’acqua e ancorati al fondo con pali di bambù.
Si visita il monastero Nga Phe Kyaung un tempo famoso per i gatti addestrati dai monaci, i villaggi degli Intha, costruiti sull'acqua, e la grande Hpaung Daw U Pagoda, la più importante dello Stato degli Shan.
Pranzo incluso in ristorante sul lago durante la giornata e cena e pernottamento in hotel.

GIORNO 6: LAGO INLE - PINDAYA - MANDALAY

Colazione in hotel e partenza per Pindaya per visitare le famose grotte sacre ai buddhisti, le Pindaya Caves, la zona di Pindaya si trova nella terra della etnia Danu. All'interno delle grotte sono stati messe nel corso dei secoli più di 9.000 statue di Buddha di tutte le fogge e dimensioni che occhieggiano in un labirinto di stalattiti e stalagmiti illuminate dalle candele.
Pranzo in ristorante locale e nel pomeriggio trasferimento in aeroporto a Heho per il breve volo di circa 30 minuti fino a Mandalay. Arrivo e trasferimento in hotel. Tempo libero. Cena e pernottamento in hotel.

GIORNO 7: MANDALAY – MINGUN - MANDALAY

Colazione in hotel e trasferimento al molo sul fiume per la visita di Mingun, antica città reale. Durante il breve tragitto, lungo le rive del fiume si potranno osservare i panorami e le scene della vita fluviale.
Visita alla zona archeologica di Mingun che include il tempio Pathodawyi - l’immensa pagoda incompiuta; la Mingun Bell - la campana più grande del mondo dal peso di ben 90 tonnellate, e la pagoda Myatheindan, costruita con sette particolari spire bianche simboleggianti monti mitologici.
Rientro a Mandalay. Pranzo in ristorante locale e nel pomeriggio visite della città con incluso il Tempio Mahamuni (chiamato anche Mahamuni Pagoda) uno dei più importanti luoghi di pellegrinaggio dell'intera Birmania grazie alla statua di Buddha che si trova al centro della costruzione e che originariamente si trovava nello Stato Rakhine. Tempo per lo shopping al mercatino nei pressi del tempio, ricco d’artigianato locale.
Sosta ai laboratori artigianali delle marionette, degli arazzi e della lavorazione del marmo.
Visita al monastero Shwenandaw, con splendidi intarsi di legno, meraviglioso esempio di arte tradizionale birmana, ed unico superstite degli edifici del Palazzo Reale andati completamente distrutti durante la Seconda Guerra Mondiale.
Cena in ristorante locale. Pernottamento a Mandalay.

GIORNO 8: MANDALAY – BAGAN

Dopo la prima colazione inizia subito la visita dell'affascinante Amarapura, antica capitale, segue il monastero Mahagandayon dove si assiste al silenzioso pasto comunitario di circa mille monaci, infine il ponte U Bein, il ponte in legno di tek più lungo del mondo. Qui passeggiano monaci, anziani, e giovani coppie in un’atmosfera di grande serenità. Pranzo in ristorante locale e nel pomeriggio trasferimento via terra a Bagan (circa 5 ore). Arrivo e sistemazione in hotel. Cena e pernottamento in hotel.

GIORNO 9: BAGAN

Verso la metà dell'XI Secolo Bagan, sotto il re Anawrahta (1044-1077), divenne un regno unico iniziando la sua età dell'oro, dove la cultura Mon e soprattutto la sua forma di Buddhismo Theravada esercitarono un'influenza dominante. Il re divenne un convinto sostenitore delle idee e delle pratiche Theravada iniziando un programma di grandi costruzioni a sostegno della nuova religione. Dal regno di Anawrahta, fino alla conquista da parte delle forze di Kublai Khan nel 1287, la zona è stata il centro vibrante di una frenetica architettura religiosa.
Si pensa che probabilmente qui siano stati costruiti più di 13.000 tra templi, pagode e altre strutture religiose, ora ne rimangono circa 2000. Un patrimonio unico, tra i siti archeologici più significativi del Sud-est asiatico e del mondo.
Due principali tipi di strutture architettoniche storiche si trovano nella zona di Bagan. La pagoda, o stupa (in birmano zedi) è uno dei principali monumenti buddhisti. Originariamente un cumulo di pietre è diventato un monumento funebre, poi ha acquisito simbolismo cosmico del Buddha contenente le sue reliquie. L'altra è il tempio, o pahto, che può assumere una varietà di forme. I templi (gu) sono stati ispirati dalle grotte scavate dai buddhisti nella roccia in India. Erano edifici più grandi e multipiano, luoghi di culto che comprendevano corridoi riccamente affrescati con immagini sacre e statue.
Nella piana di Bagan ci sono oltre 2.200 monumenti ancora in piedi e rimangono un numero uguale di rovine: terremoti, inondazioni e le invasioni hanno distrutto molti templi e stupa.

Colazione in hotel ed intera giornata di visite che comprenderanno il variopinto mercato di Nyaung-oo, visita della zona archeologica e alle pagode più importanti e scenografiche come la splendida Shwezigon Pagoda, il cui stupa è diventato il prototipo per tutte le altre pagode in Birmania, il tempio in stile indiano Gubyaukgyi Temple, costruito nel 1113 e decorato internamente di affreschi raffiguranti la storia di Buddha. Un altro dei templi più suggestivi che si visiterà è Ananda Temple risalente al 1100, voluto dal re Kyanzittha, figlio di Anwaratha. Costruito con bianche guglie a voler simboleggiare le cime inevate delle montagne himalayane, ospita all’interno 4 statue di Buddha in piedi alte 9 metri. È un magnifico esempio dell’arte Mon e presenta una pianta a croce greca. Si visiterà anche il caratteristico tempio Manuha Temple, secondo la leggenda questa pagoda venne costruita nel 1059 da Manuha, il re Mon fatto prigioniero da Anawratha dopo la conquista di Thaton, per rappresentare la sua insofferenza alla reclusione. Pranzo in ristorante locale e rientro in hotel per un po' di ristoro. Nel pomeriggio proseguimento delle visite che includeranno anche un laboratorio della lacca, prodotto artigianale magnifico tipico di Bagan, e altri templi importanti e scenografici. Si conclude la giornata con la vista del tramonto sulla piana archeologica, momento magico della giornata in cui i mattoni dei templi cambiano colore nelle varie gradazioni del sole calante. Cena in ristorante tipico con intrattenimento. Pernottamento in hotel a Bagan.

GIORNO 10: BAGAN - YANGON

Colazione in hotel e ultime visite di Bagan con altri spettacolari templi e pagode, come il Thatbyinnyu Temple il cui nome significa "onnisciente", una delle capacità del Buddha. Innalzato a metà del XII Secolo da Alaungsithu raggiunge i 60 metri d’altezza ed è uno degli edifici più alti della piana. Visita della pagoda adiacente al tempio, la Tally Pagoda, che è stata costruita mettendo da parte un mattone per ogni diecimila usati nella costruzione del Thatbyinnyu Temple. Visita di altri templi e pagode della zona. Pranzo in ristorante locale e nel pomeriggio trasferimento in aeroporto per il rientro a Yangon. Arrivo e trasferimento in hotel. Sistemazione nelle camere. Cena e pernottamento.

GIORNO 11: YANGON – PARTENZA

Colazione in hotel ed ultime visite della città di Yangon: centro città, quartiere coloniale, Chinatown, il classico quartiere cinese trafficato di risciò e bancarelle con ogni genere di articoli, di templi dipinti di rosso e dagli incensi fumanti, ristorantini, piccoli artigiani ultimo shopping al Bogyoke Aung San Market (un tempo chiamato Scott's Market).
Pranzo in ristorante locale e nel pomeriggio trasferimento in aeroporto per la partenza.

INCLUDE:

  • tour della Birmania su base privata come da programma pubblicato;
  • date di partenza su richiesta;
  • trasferimenti e visite con mezzo privato più autista e aria condizionata;
  • tour con guida in italiano;
  • pernottamento in hotel nelle località menzionate dal programma;
  • trattamento di pensione completa con colazioni in hotel, pranzi in ristorante locale durante le visite o gli spostamenti e cene in hotel o ristorante locale;
  • tasse di ingresso ai luoghi di visita menzionati nel programma;
  • volo domestico RGN-LIW;
  • volo domestico HEH-MDL;
  • volo domestico NYU-RGN;
  • tasse aeroportuali domestiche;
  • escursioni in battello come da programma;
  • salviette rinfrescanti ed acqua minerale in auto o sul van durante le visite e gli spostamenti.

NON INCLUDE:

Pin It

Richiedi Informazioni sui nostri tour

Se vuoi maggiori informazioni sui nostri tour, compila questo modulo. Ti ricontatteremo quanto prima possibile.

Categoria di hotel desiderata
captcha