Tour Cambogia

Tour Cambogia e Province Terra Meravigliosa 14 giorni 13 notti

Monaci presso Kratié

Tour Cambogia e province

Tour attraverso la meravigliosa terra della Cambogia al di fuori dei circuiti turistici di massa. Si visitano le remote province di Mondulkiri, Ratanakiri e Stung Treng in parte inesplorate e caratterizzate da una natura rigogliosa, aspre montagne e verdi risaie punteggiate da villaggi locali abitati da varie etnie.

Il viaggio attraverso la Cambogia viene fatto tutto via terra dalla capitale Phnom Penh fino a Siem Reap per la visita di Angkor. Una esperienza di viaggio unica attraverso questa meravigliosa terra, i suoi paesaggi, i suoi templi e le sue genti.

GIORNO 1: ARRIVO – PHNOM PENH

All'arrivo incontro con la nostra guida locale e trasferimento in hotel per la registrazione nelle camere, proseguimento per le visite della città con inclusi:
il Palazzo Reale, il cui nome completo in khmer è Preah Barom Reachea Vaeng Chaktomuk, comprende un complesso di edifici costruito nel 1866, è sempre stato abitato dalla dinastia reale e dalla corte eccetto durante il periodo del regime dei Khmer Rossi;
la Pagoda d’Argento Preah Vihear Preah Keo Morokat che deve il suo nome alle 5.329 piastrelle d’argento che ne ricoprono il pavimento, è uno dei luoghi buddhisti più venerati della Cambogia nonché il tempio ufficiale del re;
il Monumento all’Indipendenza costruito nel 1958 per celebrare l’indipendenza dalla Francia;
il Museo Nazionale costruito tra il 1917 ed il 1920 in stile tradizionale khmer con elementi stilistici di influenza francese;
proseguimento per il Wat Phnom il tempio che dà il nome alla città ed il luogo in cui, secondo la leggenda, venne posata la prima pietra della odierna Phnom Penh, costruito nel 1373 su di una collina artificiale alta circa 27 metri come dimora di 5 statue del Buddha.
Pranzo e cena liberi e pernottamento in hotel a Phnom Penh.

GIORNO 2: PHNOM PENH E DINTORNI

Colazione in hotel e visita del Museo Tuol Sleng, questo sito è una ex-scuola superiore trasformata in carcere di sicurezza (il tristemente noto carcere S-21) durante il regime dei Khmer Rossi dal 1975 al 1979, in cambogiano tuol sleng significa "collina degli alberi velenosi";
proseguimento per la visita del ex-campo di concentramento di Choeung Ek e oggi trasformato in un museo dove, tra il 1975 ed il 1978, più di 17.000 persone, tra cui anche molte donne e bambini, trovarono la morte.

Una visita molto forte ma importante ed istruttiva per perpetuare ai posteri la memoria del genocidio cambogiano operato dai Khmer Rossi contro il loro stesso popolo.

Sosta presso il Mercato Centrale (in cambogiano Psah Thom Thmey) costruito nel 1937 secondo i canoni della architettura Art déco, si possono trovare una infinità di prodotti da quelli di largo consumo, acquistati dalla popolazione, ai prodotti artigianali, ai souvenir, ecc...
È conosciuto anche come il “mercato russo” perché durante gli anni del regime dei Khmer Rossi si potevano acquistare prodotti prevalentemente di importazione sovietica.
Si prosegue per una escursione in barca sul fiume Mekong fino ad arrivare alla biforcazione chiamata Four Arms (Quattro Braccia) dove il Mekong si incontra con il Tonlé Sap. La navigazione è fatta a bordo di una barca tradizionale in legno e si possono ammirare i paesaggi tipici della campagna cambogiana con abitazioni su palafitte, templi e pagode, persone al lavoro e a pesca sul fiume una delle principali fonti del paese.
Al termine della visita rientro in hotel a Phnom Penh.

GIORNO 3: PHNOM PENH – MONDULKIRI

Colazione in hotel e partenza verso Kampong Cham ammirando il paesaggio rurale della Cambogia lungo il tragitto, si possono vedere piantagioni di anacardi, risaie, villaggi tradizionali, ecc…
Kampong Cham era una stazione commerciale e di scambi durante il periodo della colonizzazione francese strategicamente posta sulle sponde del Mekong.
Visita del tempio Wat Nokor anche chiamato Nokor Bachey Pagoda risalente all’XI Secolo è un santuario buddista Mahayana di arenaria e laterite con un grande statua del Buddha sdraiato e numerose nicchie con immagini sacre del Buddha.
Dopo la visita di prosegue per Mondulkiri che in lingua khmer significa “Incontro delle Colline” un nome adatto per una provincia così collinare.
La Provincia di Mondulkiri è davvero un’altra Cambogia, con paesaggi e clima molto diverso da qualsiasi altra parte del paese.
Pernottamento in hotel a Sen Monorom.

GIORNO 4: MONDULKIRI

Colazione in hotel ed intera giornata dedicata alla esplorazione di Mondulkiri e dintorni. Questa regione è ancora molto selvaggia e punteggiata da numerose cascate. Si attraversa la giungla fino ad incontrare la tribù locale degli Phnong una minoranza etnica che vive in questa parte della Cambogia.
Visita del villaggio e dei dintorni dove si possono vedere le risaie a secco e le donne al lavoro sui telai per creare tessuti locali.
Si prosegue per la visita delle cascate Bou Sra attraversando altri villaggi Phnong lungo il tragitto.
Nel pomeriggio si raggiunge la sommità della collina Sen Monorom per visitare la locale pagoda ed ammirare lo splendido panorama circostante.
Al termine delle visite rientro a Sen Monorom città, il capoluogo della Provincia di Mondulkiri per il pernottamento in hotel.

GIORNO 5: MONDULKIRI – KRATIÉ

Il viaggio prosegue verso Kratié una regione remota e selvaggia occupata da fitte foreste che si estendono intorno al corso del Mekong che in questo tratto raggiunge la larghezza di 5 km e punti di profondità massima di oltre 15 metri.
Kratié è una città fluviale di ottantamila abitanti posta nella Cambogia nord orientale sulla strada che porta al confine con il vicino Laos. In questa zona si possono ammirare i famosi delfini d’acqua dolce anche conosciuti come delfini dell’Irrawaddy (Orcaella brevirostris). Si prosegue in barca fino a Kampi per poter avvistare questi rari delfini purtroppo a rischio di estinzione, secondo uno studio del WWF condotto tra il 2007 e il 2010, la popolazione del fiume Mekong è ridotta ad appena 85 esemplari.
Al termine della escursione in barca rientro a Kratié per il pernottamento in hotel.

GIORNO 6: KRATIÉ - RATANAKIRI

Il centro di Kratié è caratterizzato da palazzi e ville risalenti all'epoca coloniale francese, questa cittadina sul Mekong è un piacere inaspettato, con una atmosfera rilassante e pacifica. Dopo una visita si parte per Ratanakiri attraversando i villaggi di Sambok, Sre Sbov e Phumi Prek Preah.
La giornata di oggi sarà trascorsa lungo il tragitto fino ad arrivare a Ratanakiri attraversando zone rurali ed assolutamente non turistiche della Cambogia.
Arrivo e trasferimento in hotel per la registrazione delle camere, nel tardo pomeriggio visita del lago Yeak Lom un lago di origine vulcanica dalla curiosa forma pressoché circolare. Il lago ha riempito il cratere estinto di un vulcano di circa 4000 anni fa, il suo diametro è di circa 700 metri e si trova in mezzo ad una fitta giungla dove si possono ammirare e sentire numerose specie di animali e di uccelli tropicali.
Pernottamento in hotel a Ratanakiri.

GIORNO 7: RATANAKIRI

Colazione in hotel e trasferimento attraverso la giungla per la visita di un villaggio agricolo presso Kachonn, si prosegue per il lago Lamut per una piacevole passeggiate attorno alle sue sponde.
Il viaggio attraverso la Cambogia tutta da scoprire prosegue per il Distretto di Bokeo famoso per le miniere di gemme preziose. Giunti al villaggio di Anduang Meas si prosegue in barca sul fiume Se San per la visita di un villaggio rurale completamente al di fuori dei circuiti turistici abitato dalla minoranza etnica Jarai popolazione che vive tra il Vietnam e la Cambogia.
A monte del fiume Se San si trovano un certo numero di villaggi della tribù Tampoun che praticano l’usanza funebre di erigere imponenti totem, visita del villaggio di Ka Choan e delle cascate Cha Ong e Kachange situate nelle vicinanze di piantagioni dell’albero della gomma (Hevea brasiliensis).
Al termine della giornata rientro a Balung capoluogo della Provincia di Ratanakiri per il pernottamento.

GIORNO 8: RATANAKIRI – STUNG TRENG – PREAH VIHEAR

Colazione in hotel e partenza per Stung Treng capoluogo dell’omonima provincia e situata sul Mekong nella zona settentrionale della Cambogia verso il Laos.
È una provincia scarsamente popolata, grazie alla sua locazione geografica ed alle aspre montagne e fitte foreste, dagli anni '50 agli anni '90 del XX Secolo vi è stata una forte presenza di guerriglia comunista.
Breve visita di Stung Treng e proseguimento verso Preah Vihear.
Pernottamento in hotel a Saem.

GIORNO 9: PREAH VIHEAR – SIEM REAP

Colazione in hotel e visita del tempio di Preah Vihear. Si prosegue in auto alla volta di Anlong Veng conosciuta per essere stata l’ultima roccaforte dei Khmer Rossi. Visitiamo la casa dell’ex-comandante dei Khmer Rossi Ta Mok (che ha vissuto qui tra il 1979 ed il 1997) conosciuto anche come "Il macellaio", soprannome che gli venne assegnato a causa della sua efferatezza e che gli valse anche l'accusa di crimini contro l'umanità nel febbraio 2002.
Alcune statue rimanenti descrivono il modo in cui i ribelli hanno vissuto e come hanno organizzato le loro truppe durante la sanguinosa lotta di nuovo al governo. Con una mezz'ora di cammino si arriva ad una pila di pneumatici, che si ritiene essere il sito funebre dove è stato cremato e sepolto Pol Pot, il leader dei Khmer Rossi.
Si prosegue via terra verso Siem Reap. Questo tragitto non sarà solo un semplice trasferimento ma una occasione per ammirare la Cambogia nei suoi aspetti meno turisti e più tradizionali.
Arrivo a Siem Reap e trasferimento in hotel.

GIORNO 10: ANGKOR THOM E ANGKOR WAT

Colazione in hotel e visite partendo dalla magnifica città di Angkor Thom, si parte dalla Porta Sud per poi proseguire verso il Bayon - costruito tra la fine del XII Secolo e l’inizio del XIII come tempio buddista Mahayana dal re Jayavarman VII, il Bayon è esattamente al centro della capitale Angkor Thom e serviva come tempio di stato. Dopo la morte di Jayavarman è stato modificato e successivamente ampliato, venne usato come tempio indù e buddista Theravada in conformità con le preferenze religiose dei vari sovrani che si sono succeduti. La caratteristica più distintiva del Bayon è la moltitudine di grandi volti in pietra rappresentati sui quattro lati delle numerose torri che ne compongono la struttura centrale. Il tempio è noto anche per le due impressionante serie di bassorilievi, che presentano una singolare combinazione di personaggi mitologici, storici e scene di vita mondana della corte dell’epoca;
visita del Baphuon - costruito nella metà XI Secolo, è costruito su tre livelli ed appartiene alla serie dei templi della montagna, venne usato come tempio di stato dal re Udayadityavarman II ed è dedicato a Shiva, è diventato inoltre l'archetipo del cosiddetto stile Baphuon;
visita della Terrazza degli Elefanti e della Terrazza del Re Lebbroso ove la prima è parte della cinta muraria della città fortificata di Angkor Thom. Tale terrazza è stata utilizzata dal re Jayavarman VII come pulpito da cui assisteva al rientro in città del suo esercito vittorioso dopo battaglie e campagne militari. La seconda terrazza, quella detta del re lebbroso, è stata costruita in stile Bayon sotto Jayavarman VII, il suo nome attuale deriva da una scultura del XV Secolo, scoperta in questo sito. La statua raffigura il dio indù Yama, il dio della morte. Egli è stato chiamato il re lebbroso perché causa lo scoloramento ed il muschio cresciuto sulla statua ricordano l’aspetto di una persona afflitta dalla lebbra, un'altra versione narra la leggenda di un re khmer effettivamente afflitto da questa malattia.
Pranzo libero e nel pomeriggio visita del magnifico tempio di Angkor Wat - costruito per il re Suryavarman II nei primi anni XII Secolo come tempio di stato e nuova capitale al posto di Angkor Thom. È il tempio meglio conservato di tutta l’area archeologica ed è l'unico ad essere rimasto un significativo centro religioso fin dalla sua fondazione, induista all'inizio e dedicato a Vishnu, per poi divenire sito buddista. Al centro del tempio si trovano cinque torri. Angkor Wat si compone di due principali caratteristiche dell'architettura cambogiana: il tempio della montagna che si erge all'interno di un fossato e che simboleggia il Monte Meru (la montagna degli dei nella religione indù, ed infatti il tempio è consacrato a Vishnu), e i successivi templi a galleria.
Al tramonto visita della collina Bakheng da dove si può osservare Angkor Wat avvolto dalla suggestiva luce del crepuscolo, visita del tempio Phnom Bakheng un tempio indù, costruito nella forma dei templi della montagna. Dedicato a Shiva, è stato costruito alla fine del IX Secolo, durante il regno del re Yasovarman. Costruito più di due secoli prima di Angkor Wat, Phnom Bakheng è stato il principale tempio di Angkor a quell’epoca, considerato il fulcro dell'antica capitale Yasodharapura costruita in seguito all’abbandono di Hariharalaya nei pressi dell’attuale Roluos Group.
Cena libera e pernottamento in hotel.

GIORNO 11: ROLOUS GROUP e GRANDE CIRCUITO DI ANGKOR WAT

Colazione in hotel e visite partendo dai templi del cosiddetto Rolous Group che include:
Preah Ko - il primo tempio costruito ove sorgeva l’antica ed ormai scomparsa città di Hariharalaya (nella zona che oggi è chiamata appunto Roluos), situata a circa 15 chilometri a sud-est del principale gruppo di templi di Angkor. Il tempio fu costruito sotto il re cambogiano Indravarman I nell’anno 879 in onore ai membri della famiglia del re è dedicato inoltre alla divinità indù Shiva;
Bakong - è il primo tempio della serie "i templi della montagna" ossia ispirati nelle forme al sacro Monte Meru della religione indù. Edificato negli ultimi decenni del IX Secolo d.C. è servito come tempio di stato per re Indravarman I nella città di Hariharalayaand;
Lolei - è il tempio più settentrionale del Roluos Group risale alla fine del IX Secolo, è un tempio indù, è stato l'ultimo dei tre templi ad essere costruito come parte della città di Hariharalaya nell’anno 893, fu dedicato anch’esso a Shiva ed ai membri della famiglia reale.
Nel pomeriggio proseguimento delle visite ai templi del cosiddetto Grande Circuito di Angkor Wat che comprende:
East Mebon - costruito durante il regno del re Rajendravarman, sorge su quella che era un'isola artificiale al centro della ormai secco Baray Orientale. L'East Mebon è stato dedicato al dio indù Shiva ed ai genitori del re;
Neak Poan - "Il Serpente Intrecciato" è un’isola artificiale al centro del Preah Khan Baray, consiste in un tempio buddista a pianta circolare, costruito durante il regno del re Jayavarman VII, è il "Mebon" del Preah Khan Baray;
infine visita del Preah Khan - costruito nel XII Secolo per il re Jayavarman VII, è stato al centro di una notevole organizzazione religiosa ed amministrativa che contava quasi 100.000 tra funzionari e servi. Il tempio ha un design piatto, con un piano rettangolare ed una successione di gallerie intorno ad un santuario buddista il tutto circondato da una complicata serie di templi satellite indù e numerose aggiunte successive. Come il vicino Ta Prohm, il Preah Khan è stato lasciato in gran parte non restaurato, con numerosi alberi che ne avvolgono le rovine.
Cena libera e pernottamento in hotel.

GIORNO 12: KBAL SPEAN E BANTEAY SREI

Dopo la colazione in hotel intera giornata in escursione per la visita di Kbal Spean e Banteay Srei. Kbal Spean, in khmer "Testa di Ponte", è un sito archeologico situato alle pendici delle colline Kulen a circa 25 km da Siem Reap, è comunemente conosciuta come la valle dei 1000 Lingas ed è costituita da una serie di sculture in pietra scavate nel letto del Stung Kbal.
Proseguimento per il Banteay Srei - un tempio induista dedicato a Shiva, il nome significa "Il tempio delle donne". È stato costruito nel X Secolo la maggior parte del tempio è costruito in arenaria e le colonne e le pareti interne presentano un numero incredibile di accuratissime decorazioni ammirabili ancora oggi, al di fuori del tempio si possono osservare poche rovine di quella che doveva essere una piccola città sorta attorno al tempio di nome Isvarapura. Le piccole dimensioni rispetto agli altri templi angkor, i finissimi bassorilievi hanno reso il tempio estremamente popolare fra i cambogiani ed i turisti ed è soprannominato anche "gemma preziosa"o il "gioiello dell’arte khmer".
Si prosegue con la visita del Srah Srang - uno degli enormi laghi artificiali detti baray che regolavano il flusso delle acque di irrigazione dei campi e di servizio per la città durante l’impero Khmer;
visita del Banteay Kdei - costruito alla fine del XII Secolo e l’inizio del XIII Secolo durante il regno di Jayavarman VII, si tratta di un tempio buddista nello stile Bayon, simile come pianta al Ta Prohm ed al Preah Khan, ma meno elaborata e più piccola. Le sue strutture sono contenute all'interno di due muri di recinzione, e consistono in due gallerie concentriche dal quale emergono le torri, preceduta a est da un chiostro.
Infine visita del Ta Prohm – Ta Prohm è il nome moderno di un tempio costruito in stile Bayon tra la fine del XII Secolo e l’inizio del XIII Secolo e originariamente chiamato Rajavihara, fondato dal re Khmer Jayavarman VII serviva anche come monastero buddista Mahayana e come università. A differenza della maggior parte dei templi di Angkor, il Ta Prohm è stato lasciato più o meno nello stesso stato in cui fu riscoperto. La fotogenia e la particolare atmosfera che circonda questo tempio, in combinazione con gli alberi secolari che ne avvolgono le rovine, ne hanno fatto uno dei templi più caratteristici e visitati di tutta la zona di Angkor; questo tempio è diventato molto conosciuto anche per essere stato il set naturale del film Tomb Raider.
Cena libera e pernottamento in hotel.

GIORNO 13: LAGO TONLÉ SAP

Dopo la prima colazione in hotel escursione in barca sul lago Tonlé Sap che in lingua khmer significa "Grande fiume dalle acque fresche" ma più comunemente tradotto come Grande Lago, è un sistema combinato tra lago e fiume di enorme importanza per la Cambogia.
È il più grande lago di acqua dolce del Sud-est asiatico ed è un punto ecologicamente unico tanto che è stato dichiarato Riserva della Biosfera dall'UNESCO nel 1997. Si possono vedere caratteristici villaggi galleggianti ed ammirare le condizioni di vita tipiche di queste popolazioni che vivono di tutto ciò che offre loro il lago. Tutte le case sono galleggianti, così come la scuola e la chiesa, si possono vedere inoltre le varie coltivazioni ed allevamenti acquatici tra cui quello di coccodrilli.
Rientro verso Siem Reap per la visita del centro Les Artisans d'Angkor, caratteristico per la produzione di prodotti artigianali khmer.
Alla fine delle visite resto della giornata libero a disposizione il relax o lo shopping nel centro di Siem Reap.

GIORNO 14: SIEM REAP – PARTENZA

Colazione in hotel e tempo libero a disposizione fino al trasferimento in aeroporto per la partenza. Fine dei servizi.

Include:

  • tour della Cambogia su base privata come da programma;
  • date di partenza su richiesta;
  • trasferimenti e visite con mezzo privato più autista e aria condizionata;
  • tour con guida in inglese (guida in italiano con supplemento);
  • pernottamento in hotel nelle località menzionate dal programma;
  • trattamento di pernottamento e prima colazione (mezza pensione o pensione completa su richiesta);
  • tasse di ingresso ai luoghi di visita menzionati nel programma;
  • pass di ingresso all'area archeologica di Angkor;
  • salviette rinfrescanti ed acqua minerale in auto durante le visite e gli spostamenti.

Non include:

  • voli internazionali per e dalla Cambogia;
  • visto di ingresso (30 dollari a persona);
  • tasse internazionali in uscita dalla Cambogia;
  • bevande;
  • altri pasti non menzionati;
  • assicurazione;
  • spese personali;
  • mance e facchinaggi;
  • tutto quello non menzionato nel paragrafo "Include".

Richiedi Informazioni sui nostri tour

Se vuoi maggiori informazioni sui nostri tour, compila questo modulo. Ti ricontatteremo quanto prima possibile.

Categoria di hotel desiderata